EmotivaMente    art exibition @ Porta Napoli - Brindisi         

The heart is often mistakenly considered as the seat of our emotions, but the real emotional engine is in our mind. That explains the logo of this exhibition that depicts a human brain sectioned in half and arranged in the shape of heart.

The exhibition was inspired by the desire to find the most beautiful emotion of all: happiness. The beginning of this project seems easy, but sometimes the reality is quite different.

In order to find this emotion I started a real experiment "psycho-creative." I based this experi- ment on the "theory of emotions" by Robert Plutchik, psychologist and professor emeritus at the Albert Einstein College of Medicine, died in 2006, who considered the existence of eight basic emotions divided into four pairs of polar opposites (anger and fear, disgust and confidence, joy and sadness, expectation and surprise), from which flow the various shades giving life to a wheel of the same emotions that Plutchik depicted as subsequently as a cone (3D) upside down.

Investigate your own personal emotions, often means that you have to fight with your own problems and ghosts of the past, the present and the future. A necessary step in order to discover through negative emotions such as: anger, sadness, fear, disgust, all your own limitations, to research for a greater self-awareness and inner strength to create in your life a new cycle richer of positive emotions.

--------------------------------------------------------------

 

Spesso, erroneamente, si considera il cuore come la sede delle nostre emozioni, ma il vero motore emotivo risiede nella nostra mente, ciò spiega il logo di questa mostra che raffigura un cervello umano sezionato a metà e disposto a forma di cuore.

​La mostra nasce dalla voglia di ricerca dell'emozione più bella di tutte: la gioia. L'incipit di questo progetto sembrerebbe cosa facile, ma a volte la realtà è ben diversa.
Per poter ritrovare questa emozione ho dato inizio ad un vero e proprio esperimento “psico-creativo”.
Per questo esperimento mi sono basato sulla “teoria delle emozioni” di Robert Plutchik, psicologo e professore emerito presso l'Albert Einstein College of Medicine morto nel 2006, il quale considerava l'esistenza di 8 emozioni base divise in quattro coppie di opposti polari ( rabbia e paura, disgusto e fiducia, gioia e tristezza, aspettativa e sorpresa), dalle quali scaturiscono le varie sfumature dando vita ad una ruota di emozioni che lo stesso Plutchik raffigurò successivamente come un cono (3D) capovolto.

Indagare le proprie emozioni, spesso, significa  dover combattere con i propri problemi e fantasmi del passato, del presente e del futuro. Un passaggio obbligato per poter scoprire attraverso le emozioni più negative come: la rabbia, la tristezza, la paura, il disgusto, tutti i propri limiti, alla ricerca di una maggiore consapevolezza di sé e della propria forza interiore per dar vita successivamente ad un ciclo più ricco di emozioni positive.



 

© Copyright 2013  ​"A work of art is above all an adventure of the mind" (E.Ionesco)​

  All Rights Reserved. Tutto il materiale presente nel sito NON PUO' essere riprodotto, copiato, modificato, pubblicato, trasmesso o inserito in altro contesto senza previa autorizzazione